Roma: Anteprima al cinema di “Young Pope” di Sorrentino

 

In sala le più alte cariche dello stato e del cinema italiano anche giovane. Da Renzi a Franceschini, da Salvatores a Rovere, da Martone agli Inception e Ivan Silvestrini, più ministri e produttori

La nostra equazione vuole che: se entri in una sala cinematografica con un umore medio-sereno e ne esci felice e galvanizzato e come te ci sono altri centinaia di persone che hanno assistito allo stesso spettacolo, può voler dire che il regista ha fatto bene il suo lavoro; ma l’equazione è errata perche’ qui il regista si è superato e l’ha fatto alla grande!

Paolo Sorrentino torna ai fasti narrativi e al sarcasmo dissacrante di quel gioiello di film de L’uomo in più, libero dalle preoccupazioni dei virtuosismi estetici, racconta una storia che va dritta al punto e ti catapulta in un turbine di emozioni diverse ma shaekerate alla perfezione.
Il livello è altissimo, e in questo SKY Italia ha il merito di aver investito tanto e bene (basta osservare la qualità e quantità degli effetti speciali, il cast) per un prodotto che è internazionale alla nascita ma ancora di più alla visione, un film in dieci episodi (all’anteprima solo i primi due) che dona lustro all’Italia e pone il nostro paese nell’olimpo dei produttori delle serie di qualità d’oltreoceano. Da segnalare la scena del nuovo papa e della responsabile marketing del vaticano.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *