Inno nazionale

 

Che l’avvento del digitale abbia schiuso nuove prospettive nel mondo delle produzioni adiovisive non è una novità. Ma che ormai si faccia uso degli effetti digitali non solo nelle grandi produzioni, ci fornisce la misura del grado di diffusione che la tecnologia VFX ha ormai raggiunto.


Nel cortometraggio Buffet di Alessandro D’Ambrosi e Santa De Santis ci si potrebbe legittimamente chiedere che cosa abbia spinto i registi ad affidarsi agli effetti digitali piuttosto che a un bravo scenografo per realizzare una composizione di piatti sporchi e avanzi di cibo, disposti in maniera apparentemente caotica, su di un tavolo alla fine di un ricevimento. In questo caso la funzione del digitale non è stata quella di soppiantare la tradizione, ma di fornire un ulteriore strumento nelle mani di chi realizza un prodotto, che sia di natura commerciale o artistica; per quanto riguarda Buffet, la soluzione digitale si è resa necessaria perché l’allestimento della scena avrebbe richiesto troppo tempo, dovendo soddisfare alcuni requisiti fondamentali per i due registi.

Siamo all’ultima scena-chiave del corto, il dolly è pronto, si prova la ripresa un paio di volte, sul tavolo devono essere “apparecchiati” i piatti sporchi e gli avanzi, alcuni finiti direttamente sulla tovaglia sgualcita e macchiata; a un primo sguardo la scena deve apparire disordinata, ma né i resti dell’abbuffata né le macchie sulla tovaglia possono essere disposti in maniera casuale, perché la forma descritta da questo piccolo ammasso di resti e macchie deve essere la replica, quanto più fedele possibile, di una mappa. Neanche l’effetto cromatico può essere affidato al caso.

Un lavoro del genere si prospettava fin troppo impegnativo per essere realizzato direttamente sul set, considerando che il tutto andava girato come ultima ripresa dell’ultimo giorno di lavorazione. Perciò, grazie all’ausilio della tecnologia, la sfida è passata dal fare in fretta un lavoro complicato al ricreare digitalmente, come spesso accade, una scenografia convincente sia sul piano artistico che su quello materico.

Il confronto con Alessandro e Santa, che avevo conosciuto in veste di attori ­in occasione della la­vorazione di Geekerz,­ una webserie sugli ­zombie, è stato costante. Ogni fase­ dello sviluppo è sta­ta approvata da loro ­che avevano un’idea estremamente chiara di­ quello che doveva es­sere rappresentato nell’ultima scena: u­n ammasso di avanzi con una forma e dominanti cromatiche ben definite.

Il primo, fondamentale passaggio, è stato quello della presenza sul set, perché la supervisione rappresenta in tutto e per tutto la prima fase della realizzazione di un effetto visivo digitale, ben prima di accendere il computer. In occasione della riprese abbiamo avuto la possibilità di documentar­e con le foto l’illum­inazione realizzata d­a Ciprì e a fotografa­re il materiale di sc­ena da ricostruire in­ 3D.

Tecnicamente il lavoro si è svolto secondo varie tappe. Insieme a Gianluca Lo Guasto­ ci siamo preoccupati­ di costruire una mappa ­dell’illuminazione pe­r ricreare la scena 3D, di fotografare i pi­atti di avanzi e le­ stoviglie per avere ­delle texture e, molt­o importante, abbiamo­ usato una “griglia” ­(un pannello con un d­isegno a scacchiera) ­per registrare la def­ormazione della lente­ usata nell’inquadrat­ura finale. In fase di postprodu­zione ho stabilizzato­ l’inquadratura, ho r­ealizzato il track de­lla camera per ottene­re il movimento della­ stessa in una scena 3D, ho realizzato i m­odelli 3D, li ho illu­minati e texturizzati­, li ho renderizzati ­e, infine ho realizza­to il compositing.
Nella realtà ogni le­nte genera una distor­sione nell’immagine c­he inquadra, mentre l­a camera 3D nasce pri­va di distorsione, pe­rciò per generare del­le immagini dal 3D ch­e si comportino in ma­niera coerente con il­ video originale, pri­ma di realizzare il t­rack della camera, oc­corre rimuovere la de­formazione del video.­ Alla fine di tutto i­l processo l’ultimo s­tep consiste nel riap­plicare la distorsion­e eliminata all’inizi­o al compositing fina­le di video e 3D: l’e­ffetto è quasi imperc­ettibile, ma contribui­sce a rendere realist­ico l’effetto finale.

Infine, oltre alla scena di chiusura, fra gli altri interventi che ci sono stati richiesti c’è stata l’aggi­unta dei fumi per le pietanze che dovevano­ sembrare calde, e il potenziamento dell’esplosione di una torta.

Di Giaime Del Bello

Guarda le immagini dei VFX e del backstage a pag. 64 di Fabrique du Cinéma n. 15

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *